Con artColorBike, Arte E Sostenibilità Sono Una Realtà!

Di: - Pubblicato: 9 luglio 2018

Intervista a cura di Claudia Notargiacomo

 

“Il colore si fa movimento per una città più sostenibile”: questo il motto di artColorBike, il progetto che, utilizzando l’arte come strumento sociale, coinvolge Istituzioni e aziende proiettate verso il futuro, unite per promuovere valori condivisi quali il rispetto dell’ambiente, i consumi consapevoli e la mobilità sostenibile.

 

Dopo l’inaugurazione (linkare http://www.sonda.life/arte-cultura/inaugurata-la-mostra-artcolorbike-a-palazzo-moriggia-aperta-al-pubblico-fino-al-22-aprile/) presso Palazzo Moriggia-Museo del Risorgimento a Milano  e la presenza alla Galleria d’Arte Leonardo da Vinci di Cesenatico durante la Nove Colli di ciclismo, la terza e ultima tappa di artColorBike si è conclusa nuovamente a Milano il primo di luglio presso l’Orto Botanico di Brera. Qui, nel rilassante giardino, sono state accolte le 12 installazioni di altrettanti artisti esordienti, selezionati tra gli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera. Suggestiva l’ambientazione e potenti le opere che gli studenti hanno creato a partire da rottami di biciclette, ai quali è stata data nuova vita e funzione. Interessante anche la trasformazione e i concetti espressi dagli artisti chiamati a lavorare a un progetto che fa del recupero e della sostenibilità i suoi motivi ispiratori.

Vieri Barsotti, editore di Radio Colore e Colore & Hobby -le due testate di riferimento del settore edilizia che hanno organizzato il progetto-, ci racconta il perché di artColorBike, il cammino compiuto fino ad oggi e i progetti futuri.

Buongiorno Vieri, innanzitutto ti chiedo cosa racconta artColorBike?

ArtColorBike è un progetto che utilizza il mondo dell’arte come veicolo di intenti comuni, e sceglie un modo alternativo, creativo ed efficace, per comunicare valori condivisi. Lo fa restituendo vita ad oggetti destinati all’oblio e utilizzando il colore come elemento imprescindibile per la loro trasformazione. Con artColorBike abbiamo creato un circolo virtuoso che lega economia, Istituzioni e mondo dell’arte per promuovere il concetto di società sostenibile e virtuosa.

Perché avete voluto una mostra itinerante?

Ci è piaciuta fin da subito l’idea di una collettiva composta da 12 installazioni e portatrice di valori condivisi, capace di arrivare alla cittadinanza in diverse occasioni per raggiungere target differenti. A Milano abbiamo catturato l’attenzione del pubblico professionale, esigente e cosmopolita del Salone del Mobile e dei milanesi e dei visitatori che considerano l’Orto Botanico un luogo simbolico per cultura, relax e tempo libero; a Cesenatico abbiamo intercettato gli appassionati di bicicletta che per un intero weekend animano la riviera romagnola nel segno dello sport e del divertimento. E poi le biciclette servono per girare, quindi ci piaceva l’idea di una mostra che… girasse luoghi diversi!

Mi puoi spiegare quale sia il legame tra questo progetto e la casa editrice Contexto?

Contexto è casa editrice ma si occupa di editoria e comunicazione a tutto tondo con una forte specializzazione nel mondo dell’edilizia e in particolare delle pitture. Come editori e agenzia abbiamo sviluppato, a supporto dei nostri media Radio Colore e Colore & Hobby, una serie di iniziative che permettono alle aziende di comunicare in un modo nuovo e più dinamico, spaziando dall’ambito artistico e ambientale come nel caso di artColorBike a quello sociale con il progetto ColorAid che riqualifica strutture del terzo settore operanti nel sociale, fino ad attività più formative o anche ludiche sempre con attività dedicate. Per esempio, in artColorBike abbiamo coinvolto Oikos, un produttore di pitture dall’anima green da sempre attento all’ambiente e molto accreditato nel mondo dell’interior design e dell’arte. L’importante è che tutte queste iniziative abbiano nel colore il denominatore comune e un filo conduttore imprescindibile.

Quali sono i programmi per il futuro? A quando la prossima mostra?

ArtColorBike è già all’opera per il 2019! Desideriamo assolutamente proseguire le collaborazioni virtuose con l’Accademia delle Belle Arti di Brera, con le Istituzioni e con gli spazi museali che ci hanno accolto con calore. È già confermata la tappa di aprile in occasione della Milano Design Week, quasi certamente rifaremo anche le altre, anche se la conferma di tutto questo la avremo a settembre, quando entreremo nell’operatività della seconda edizione di artColorBike. Molte anche le novità e le occasioni di vivere le sinergie che durante questo cammino di un anno si sono create. Continueremo a raccontare alla cittadinanza cosa accade e quello che stiamo realizzando, affinché la condivisione parta già dalle fasi di laboratorio per poi arrivare al termine con i momenti conclusivi delle mostre, ovviamente aperte e open per i cittadini.