IN ITALIA 1700 LE PERSONE VITTIME DI TRATTA

Di: - Pubblicato: 28 agosto 2015

Secondo gli ultimi dati di Save the Children, in Italia sono circa 1700 le persone vittime di tratta, di questi il 20% sono minori. Il save-the-children-logodossier “Le giovani vittime di tratta e sfruttamento”, elaborato da Save the Children, segnala un’elevata presenza di sfruttamento sessuale per le giovani, soprattutto nigeriane, oltre che per tante ragazze, poco più che adolescenti, provenienti dall’Europa dell’est. I dati parlano anche di giovani egiziani sfruttati sul lavoro. Sono dati, questi, che rilevano una diminuzione della percentuale nei primi mesi del 2015, ora, purtroppo, nuovamente in aumento. Secondo il dossier, inoltre, il fenomeno della tratta continua ad essere consistente e colpisce tragicamente anche i minori migranti. Sono 1.679 le vittime di tratta accertate, la Nigeria è il principale Paese di provenienza. Le giovani vittime, nella maggior parte dei casi, sono oggetto di sfruttamento soprattutto sessuale, ma i dati parlano anche di traffico in attività illegali: borseggi e furti vengono al secondo posto. A rischio anche i minori migranti che nell’ultimo periodo sono arrivati in Italia, tra questi Siriani ed Eritrei in particolare. Dal 2013 a tutto giugno 2015 risultano essere 130 i minori inseriti in progetti di protezione. Secondo Raffaella Milano, Direttore Programmi Italia – Europa di Save the Children, “La tratta e lo sfruttamento di bambini e adolescenti rappresenta uno dei risvolti più drammatici dei fenomeni migratori: dobbiamo riuscire a intercettarli, accoglierli e proteggerli adeguatamente, assicurando loro soprattutto percorsi di scolarizzazione”.

Marco Feliciani