“POVERI NOI!” A Palazzo Marino: Convegno Sulle Politiche Di Contrasto Alla Povertà

Di: - Pubblicato: 15 Ottobre 2015

Sabato 10 ottobre, presso la Sala Alessi di Palazzo Marino, si è svolto il convegno “Poveri noi!”, organizzato dal coordinamento “Quelli della notte” formato, tra gli altri, da Fondazione Progetto Arca, Casa della Carità e Terre di mezzo onlus.

Il convegno nasce per segnalare molteplici proposte concrete di una politica di contrasto alla povertà; i relatori presenti hanno, infatti, riflettuto su differenti soluzioni che in altri Paesi si sono rivelate utili. Presenti Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali del Comune di Milano, don Virginio Colmegna, presidente Casa della Carità, Alice Stefanizzi, responsabile comunicazione e raccolta fondi di Fondazione Progetto Arca, Cristiano Gori, docente universitario e Xavier Emmanuelli, fondatore e gestore di servizi per senza dimora nel Comune di Parigi: durante il congresso sono state evidenziate le principali problematiche relative alla povertà e si è ragionato su come riuscire a contrastarla, attraverso una politica sociale che sappia riflettere su alcuni temi specifici e fondamentali, formulando proposte che, già in altri Paesi europei, si sono rivelate efficaci: housing first, reddito minimo e medicina di strada.

Alcuni dati specifici, riportati dai relatori nel convegno, evidenziano i settori più colpiti dalla povertà. Quello alimentare, per esempio: sempre più spesso, infatti, la qualità del cibo consumato diminuisce vertiginosamente. Vi è poi la povertà che riguarda gli aspetti sanitari: è drammatico come molti cittadini non possano più far fronte a esigenze legate alla salute, come visite specialistiche o terapie specifiche, non offerte da un Sistema Sanitario Nazionale sempre più in affanno.

Per una politica di contrasto alla povertà, è importante lottare contro il fenomeno di esclusione sociale di chi è in condizioni di difficoltà, ribadendo, per esempio, il riconoscimento dei diritti delle persone in condizioni di povertà, lottando per l’aumento della partecipazione pubblica degli stessi e per la promozione di una società più coesa.

 

Marco Feliciani