A EXPO SI PARLA DI AUTISMO

Di: - Pubblicato: 4 settembre 2015

Il 12 settembre Expo Milano 2015 ospita presso l’auditorium Cascina Triulza, nel padiglione della Società civile, il convegno “La presa in carico della persona con disturbo dello spettro autistico: il modello umbro” su iniziativa di Angsa Umbria onlus. Il convegno concentrerà l’ attenzione sul “modello di presa in carico riabilitativo – educativo” della persona con disturbo dello spettro autistico. Caratteristica fondamentale del progetto è l’inserimento in percorsi di lavoro come l’agricoltura sociale. Il progetto “La semente”, in Umbria, impegna diversi giovani adulti con autismo, al termine del percorso scolastico, in lavori agricoli, tra i quali la produzione di cibo e vino biologici, la gestione di un agriturismo e di una fattoria didattica. L’attenzione dell’iniziativa è focalizzata sul biologico e sul contributo lavorativo di persone che partono con uno svantaggio iniziale. I ragazzi con autismo che partecipano al progetto ad oggi sono dodici, dai 20 ai 38 anni. Per loro la riabilitazione è di tipo cognitivo-comportamentale e ha come principale obiettivo il raggiungimento dell’autonomia personale e dell’abilità lavorativa. La particolarità del “modello umbro” è che l’ Umbria ha, grazie all’ acquisita autonomia regionale in materia sanitaria, cambiato la definizione di autismo: da disabilità organica, l’autismo è passato a essere considerato nell’ ambito della salute mentale, permettendo quindi una riabilitazione senza limiti d’ età.

Marco Feliciani