Comune Di Milano E Amsa Insieme Nella Campagna Di Comunicazione “Ci Sta?”

Di: - Pubblicato: 10 Ott 2016

foto-x-art-l-r

Il Comune di Milano e Amsa hanno lanciato la campagna di comunicazione “Ci sta?” per sensibilizzare i cittadini al corretto uso dei cestini stradali. L’obiettivo della campagna è di contrastare la cattiva abitudine dei cittadini di gettare rifiuti prodotti nelle abitazioni all’interno dei contenitori stradali, causando un danno alla raccolta differenziata e allo smaltimento e creando spesso anche una pila di rifiuti abbandonati intorno ai cestini, appunto perché pieni.  Nel 2016 il conferimento dei rifiuti nei cestini stradali è cresciuto infatti dell’8%. Nel corso del 2015 le squadre dedicate al servizio di svuotamento dei cestini hanno raccolto 30.700 tonnellate di rifiuti, 24.800 tonnellate nei primi 9 mesi del 2016.  La campagna “Ci sta?” utilizza proprio i cestini stradali per comunicare il loro corretto utilizzo tramite la tecnica del “graffiti reverse”, ovvero uno stencil applicato sul marciapiede che riprende l’ ombra del contenitore con il messaggio “Ci sta? I cestini stradali sono solo per rifiuti di piccole dimensioni.” Tutte le aree verranno poi completamente ripulite al termine del periodo previsto. La campagna di sensibilizzazione toccherà, in tre tranche, 1.500 cestini posizionati in diverse aree centrali e periferiche della città, vie e piazze di Milano particolarmente frequentate.  In prima battuta la campagna interesserà 400 cestini stradali dislocati, tra le altre, in via Lorenteggio, via Giambellino, piazza Napoli, via Solari, zona Navigli, via Torino, via Ripamonti e via Ortles. Amsa fa sapere inoltre che l’impegno continuerà nel 2017 tramite il posizionamento di 300 cestoni intelligenti, dotati di un sistema che avvisa la centrale operativa quando sono pieni.

“Grazie al contributo dei milanesi e all’impegno di Amsa” dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano “la città si attesta fra quelle più  virtuose nella raccolta dei rifiuti, ma possiamo migliorare su tanti fronti e ci stiamo lavorando”.

 

L.R.