Con MyFoody, Dalla Parte Di Chi Non Spreca

Di: - Pubblicato: 5 novembre 2015

Si scrive MyFoody, si legge spesa etica e solidale. Nata dall’intuizione di quattro startupper milanesi under 30, MyFoody è la piattaforma on line che permette di myfoodyprenotare a prezzi scontati prodotti alimentari che altrimenti andrebbero sprecati. Il tutto con un occhio di riguardo per le non profit impegnate in progetti di accesso al cibo, per le persone più vulnerabili. Il funzionamento è semplice. Registrandosi sul sito, la piattaforma ci geolocalizza e ci permette di visualizzare le offerte scontate dei punti vendita più vicini. Possono essere prodotti biologici e non, a km 0, sfusi e di produttori locali, comunque tutti prodotti a rischio spreco perché vicini alla data di scadenza o per qualche difetto estetico nella confezione oppure perché acquistati in eccesso. Individuato il prodotto che interessa, lo si prenota, senza pagamento anticipato, e lo si ritira in negozio con un codice fornito dalla piattaforma. Parte di quel che è stato risparmiato con la spesa online può essere donato a Fondazione Progetto Arca, tra le prime organizzazioni non profit che MyFoody ha scelto di sostenere. Al momento, il servizio è attivo su Milano in versione beta e coinvolge 12 punti vendita tra supermarket e negozi. In gestazione anche la app. Auguriamo a MyFoody di allargare presto il suo network ad altre città e, soprattutto, alla grande distribuzione, che da sola ogni anno in Italia produce circa 277mila tonnellate di eccedenze alimentari. Se la Francia con la sua legge anti-spreco fa scuola, l’Italia con MyFoody non resta a guardare.

Fondazione Progetto Arca