Cuoche E Attrici Detenute Di San Vittore Protagoniste Al Milano Off Isola Festival

Di: - Pubblicato: 13 giugno 2016

“Abbiamo cercato nel tempo di fare concretamente un lavoro di reinserimento sociale, poiché al centro delle iniziative non c’è solo la rigenerazione del teatro o dei teatranti, semmai la rigenerazione della popolazione detenuta”

cuoche

Il 10 giugno all’interno di Milano Off Isola Festival, tra i tanti eventi che si sono susseguiti, il CETEC, partner della manifestazione, e gli attori della Compagnia Teatrale “Dentro fuori San Vittore”, attori detenuti o ex detenuti del carcere milanese, coordinati dalla drammaturga Donatella Massimilla,  sono stati protagonisti assoluti della giornata, presentando tre eventi che hanno riscosso successo tra i presenti all’iniziativa. “Abbiamo cercato nel tempo di fare concretamente un lavoro di reinserimento dando vita a occasioni imprenditoriali», ha spiegato Donatella Massimilla, Presidente della Cooperativa CETEC onlus.

 

Quando il cibo, il teatro e la musica attraversano le mura” è stato il primo evento che ha visto   un tavolo di lavoro a cui hanno partecipato diversi  rappresentanti dei carceri e alcuni produttori di cibo sano e biologico.

Il filo conduttore di questo primo incontro,  in tal senso, è proprio l’ApeShakespeare, un’Ape vera e propria che Massimilla porta in giro per Milano insieme alle attrici/cuoche, ex-detenute o detenute della Casa Circondariale di San Vittore che possono accedere all’esterno, facendo gioire ed emozionare le persone con la cultura, esibizioni teatrali e degustazione di cibo da strada: piatti prelibati e biologici preparati dalle cuoche detenute del carcere milanese.

 

“Io credo che l’ApeCar possa diventare, fuori, un veicolo di cultura per le attrici cuoche formate dentro San Vittore fornendo e offrendo dei prodotti semplici” dichiara Donatella Massimilla che aggiunge “l’importante è che siano fatti con ingredienti buoni, naturali e con amore. Le persone, che hanno anche dei momenti difficili nella vita, nel momento in cui incontrano all’interno degli istituti penitenziari altre persone pronte a fornire loro degli strumenti per reinserirsi nella società, vengono rimotivate attraverso proprio cultura, lavoro e formazione.”

 

cetec fotoNel pomeriggio è stato presentato inoltre il progetto culturale e sociale della nuova associazione Altermusa. Carcere e arti sceniche, soggetto appunto sociale, di promozione e formazione e punto di riferimento delle attività teatrali e culturali in carcere e nei luoghi di confine.

Per l’occasione sono intervenuti  la presidente Donatella Massimilla (CETEC), il vicepresidente Riccardo Vannuccini (ArteStudio) e tra i soci fondatori e il comitato scientifico Maria Cinzia Zanellato (Teatro Carcere Due Palazzi), Antonio Turco (capo area educativa carcere Rebibbia Reclusione), Patrizia Patrizi (Ordinaria di Psicologia sociale e giuridica, Università di Sassari) e la prof.ssa Margaret Rose (docente Storia del Teatro Inglese Università degli Studi di Milano).

 

“Il senso di questo nuovo soggetto collettivo è assolutamente originale e innovativo rispetto alle esperienze già esistenti poiché al centro delle iniziative non c’è solo la rigenerazione del teatro o dei teatranti, semmai la rigenerazione della popolazione detenuta” conclude Donatella Massimilla.

 

La giornata al Milano Off Isola Festival si è conclusa all’insegna del teatro, con lo spettacolo della compagnia teatrale CETEC Dentro/Fuori San Vittore “Il nuovo teatrino delle meraviglie” diretto da Donatella Massimilla, un viaggio teatrale e musicale liberamente ispirato all’intermezzo di Miguel De Cervantes.

 

Marco Feliciani