HILAL ELVER, RELATRICE DELLE NAZIONI UNITE

Di: - Pubblicato: 17 Giugno 2015

HILAL ELVER, RELATRICE DELLE NAZIONI UNITE, AL PADIGLIONE DELLA SOCIETA’ CIVILE DI EXPO 2015

Sabato 12 giugno ha avuto luogo, presso il padiglione della Società Civile di Cascina Triulza a EXPO 2015, il convegno contro la fame nel mondo, dove è stato presentato il volume scritto da Chiara Tintori e Matteo Mascia, edito da Bruno Mondadori, “Nutrire il Pianeta? Per un’alimentazione giusta, sostenibile, conviviale”. Il convegno è stato promosso da Caritas, Aggiornamenti Sociali, Fondazione Culturale San Fedele, Fondazione Lanza, WeWorld e con la presenza della Relatrice per il diritto al cibo delle Nazioni Unite, Hilal Elver.

hilal elver.jpg 1

La relatrice Hilar Elver, nel suo incontro ha voluto precisare come EXPO 2015 non sia solamente una vetrina, ma anche un’opportunità mondiale per affermare il diritto al cibo, per tutti. Diritto che è stato riconosciuto, nel 1948, dalla dichiarazione universale dei diritti umani. Non tutti sanno che la malnutrizione acuta è la minaccia più grave per la sopravvivenza dei bambini. Si stima che, secondo dati ACF International, circa 52 milioni di bambini nel mondo soffrano la fame e la malnutrizione e che ogni giorno muoiano 3,5 milioni di bambini per fame. Tutto questo è assurdo se si pensa che la malnutrizione si può prevenire e curare. Il libro presentato da Hilar Elver a EXPO 2015, presso il padiglione di Cascina Triulza, raccoglie numerosi dati sulla fame nel mondo e alcune riflessioni su come sia possibile sconfiggerla, applicando semplicemente un’economia più solidale ed evitando lo spreco del cibo. Basti pensare che ogni anno, secondo i dati del Ministero dell’ambiente, vengono gettati nel cassonetto dalle famiglie italiane quantità di cibo che corrispondono a otto miliardi di euro.

Questi numeri aumentano, se si calcola il cibo abbandonato nelle discariche abusive e che ammonta a 1,4milioni di tonnellate.

 

La relatrice delle nazioni unite Hilal Elver, nel corso del suo intervento, ha voluto sottolineare che, nonostante il diritto al cibo sia riconosciuto nei documenti internazionali, la fame nel modo è ancora un problema troppo grande e diffuso nel nostro pianeta, vittima inoltre di disastri ambientali e cambiamenti climatici non naturali, che di certo non aiutano a sconfiggere la malnutrizione e la fame nel mondo. Hilal Elver ha poi voluto concludere il suo intervento con un auspicio «La fame, in tante popolazioni del pianeta, potrà essere sconfitta solo da un approccio integrato tra diritti umani e cura dell’ambiente».

 

La redazione