Progetto Bellezza: una nuova prospettiva sull’accoglienza

Di: - Pubblicato: 7 maggio 2015

Accanto alle attività più storiche, diamo spazio all’innovazione, perché è centrale trovare nuovi modi di intendere l’accoglienza, sempre più efficaci, sempre più legati all’integrazione.

Siamo quindi felici di presentarvi anche il nuovo centro di Progetto Arca, il primo a Milano ; il 7 marzo scorso abbiamo inaugurato, infatti, il centro di accoglienza di Via degli Artigianelli, progettato con un percorso interdisciplinare e a carattere partecipativo, di social design condiviso tra architetti, designer, operatori, persone senza dimora ospiti.

Ecco il racconto di Francesco, uno degli operatori sociali che hanno partecipato sia alla fase di progettazione sia a quella di realizzazione, insieme agli ospiti.

“Per me, come operatore, è stata una grande opportunità professionale. Non capita tutti i giorni di poter costruire, come un vaso di creta, il luogo in cui andrai a lavorare, potendo scegliere gli elementi che andranno a migliorare gli aspetti socio-educativi della quotidianità di un centro di accoglienza”

“Hanno partecipato, alla realizzazione della decorazione d’interni, anche 4 ospiti del centro che verrà trasferito. In particolare ricordo Mario, che aveva lavorato a lungo come imbianchino, nella sua vita precedente. L’esperienza per lui è stata molto forte, continuava a dirmi che stava rivivendo la parte pulita di sé, quella in cui aveva un lavoro, una casa, prima della dipendenza. Per lui è stato mettere a fuoco in un istante il prima e l’adesso: un tuffo nella realtà positiva che lo ha spronato a dare un’accelerazione al suo processo di riabilitazione. Collaborare alla trasformazione di un luogo, ha permesso di velocizzare l’osservazione di sé”.

Istanti di normalità: lavorare come in passato fianco a fianco con persone “normali”, in assenza di pregiudizio.

Aiutaci a sostenere persone come Mario http://www.progettoarca.org/PA/comeaiutarci/donaonline.cfm

Guarda qui li servizio sull’inaugurazione https://www.youtube.com/watch?v=r90xCZHIHvs

Fabio Pasiani