PROSTITUZIONE, IL CONSIGLIO DI ZONA 2 APPROVA MOZIONE PER LE ZONE A LUCI ROSSE

Di: - Pubblicato: 24 luglio 2015

PROSTITUZIONE, IL CONSIGLIO DI ZONA 2 APPROVA MOZIONE PER LE ZONE A LUCI ROSSE

Il consiglio di Zona 2, a Milano, ha approvato una mozione che chiede l’istituzionalizzazione di aree a luci rosse nella città, un metodo che ha come obiettivo quello di combattere la piaga della prostituzione nelle strade, muovendosi a tutela di clienti e prostitute. La mozione è stata proposta dal gruppo radicale, il cui programma è quello di individuare delle zone dedicate alla prostituzione, il così detto “zoning”. Il consiglio di Zona 2 ha proposto alla giunta comunale un metodo all’avanguardia per contrastare lo sfruttamento della prostituzione, metodo presente in molte città europee, da Amsterdam a Berlino. Diversi esponenti del consiglio sperano che il Comune approvi la mozione presentata da Yuri Guaiana, esponente del gruppo radicale, la quale si rifà all’esempio di Mestre. La città veneta, dopo l’approvazione in giunta della mozione che prevede di individuare zone addette alla prostituzione, ha visto un netto calo di persone che offrono servizi sessuali su strada. L’accordo non trova l’unanimità: diversi cittadini ed esponenti di partito, infatti, hanno dichiarato inopportuna la mozione, dichiarando che la prostituzione a Milano non potrà e non dovrà mai essere legalizzata.

Il problema della prostituzione nelle strade e la conseguente mancanza di sicurezza, sono temi che necessariamente devono essere affrontati con responsabilità: la necessità di trovare soluzioni alternative che tutelino maggiormente i clienti e le prostitute rappresenta ancora un tabù, non solo per Milano, ma per tutto il Paese. Molto differente la situazione di altre città europee, dove il “zoning” rappresenta da anni uno strumento importante per la sicurezza e dove, soprattutto, il tasso di reati legati allo sfruttamento della prostituzione è decisamente calato. Il che dovrebbe far pensare..

 

Marco Feliciani