Rob De Matt: Il Bistrot Che Unisce Qualità E Inclusione, Con Un Tocco Di Follia

Di: - Pubblicato: 3 aprile 2017

In cucina lo chef Edoardo Todeschini sarà affiancato da giovani con disagio psichico, migranti in difficoltà o ex detenuti. Apre i battenti il 7 aprile, nello storico quartiere milanese di Dergano in un’ala della sede dell’associazione L’Amico Charly. “Crediamo molto nel valore della condivisione del tempo, del lavoro, della diversità”.

 

La cucina è un cantiere con fornelli e frigoriferi ancora imballati, ma dal 7 aprile ne usciranno piatti di verdure, carne o pesce, preparati secondo la tradizione italiana e piatti etnici. Alla fine di ogni pasto, insieme al conto, i clienti riceveranno le ricette dei piatti che hanno ordinato. Il conto alla rovescia è dunque iniziato per “Rob de matt”, caffé bistrot che alle cose buone e sane unirà “l’inclusione sociale e la cittadinanza attiva con un tocco di follia”. L’idea è venuta allo chef Edoardo Todeschini, dopo un’esperienza di lavoro a Londra. “Ho conosciuto realtà nella ristorazione di grande qualità che coinvolgevano nel lavoro persone in difficoltà -racconta-. E ho pensato che avrei potuto fare la stessa cosa anche in Italia”. Rob de matt apre nello storico quartiere di Dergano, in un’ala della sede dell’Amico Charly, associazione che si occupa in particolare degli adolescenti. “Crediamo molto nel valore della condivisione del tempo, del lavoro, della diversità -aggiunge Franz Purpura, educatore che insieme a Edoardo ha ideato Rob de matt-. Quel che ci preme è che chi farà parte di questa avventura possa trovare soddisfazione, sentirsi bene”. Robb de matt sarà quindi un bistrot di qualità, in cui giovani con disagio psichico, migranti in difficoltà o ex detenuti, potranno formarsi e lavorare.

Davanti alla sala con 40 coperti di Rob de matt, c’è un grande spazio verde che in parte verrà trasformato in un orto sinergico: darà le materie prime per la cucina, ma potrà diventare un luogo in cui giovani e anziani del quartiere collaboreranno insieme. “Siamo aperti alla città e vogliamo diventare un punto di riferimento per il quartiere -sottolinea Franz-. Per questo man mano avvieremo collaborazioni con le altre associazioni presenti nella zona”.

Per l’inaugurazione del bistrot sono previsti tre giorni di festa e degustazioni. Venerdì 7 aprile la sera “#imattisiamovoi” prevede, dalle ore 18, cocktail e piatti di street food e musica con Santeria Social Club (Reverend’s shop), Radio Popolare (Davide Facchini, Vito War), Dude Club (Walking Shadow), Cascina Martesana, Black Panthers Fc, Ostello Bello e Elita Sound System. Sabato 8 aprile “#aggiungiunpostoatavola” prevede, sempre a partire dalle ore 18, la presentazione pubblica del progetto Rob de Matt e a seguire cena con un menù di sette portate: “dal ceviche alle trofie con stracciatella e crema di ortiche per finire con un delizioso dolce a base di zafferano”. Infine, domenica 9 aprile ci sarà “#ladomenicadelvillaggio”:  dalle ore 12 brunch “popolare” per grandi e piccoli con “torte salate, verdure grigliate, beagle al salmone e molto altro” e per tutta la giornata attività per bambini, momenti di relax con massaggi per mamme e papà, mercatino con autoproduzioni locali.
Rob de Matt è in via Enrico Annibale Butti (MM Maciachini, Passante Lancetti, tram 2, filobus 90-91-92)

© Copyright Redattore Sociale

http://www.agenzia.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/531531/Rob-de-matt-il-bistrot-che-unisce-qualita-e-inclusione-con-un-tocco-di-follia