Senza Fissa Dimora: E’ Partito Il Piano Anti Freddo

Di: - Pubblicato: 4 dicembre 2015

In questi giorni di freddo intenso e di temperature che scendono anche sotto lo zero, per Progetto Arca scattano una seriesenza-fissa-dim-1-LOW di operazioni che vanno a dare un aiuto concreto a chi si trova senza un tetto sulla testa. Dal 15 novembre è partito infatti quello che Progetto Arca chiama “Il piano freddo”, una serie di attività che finiscono con il 30 di marzo, quando le temperature tornano ad essere più accettabili. Il piano freddo consiste in una maggiore apertura e disponibilità di posti letto all’interno delle strutture di accoglienza, attualmente circa 1200 posti nel Comune di Milano, che, nelle prossime settimane, arriveranno a oltre 2.500. Un progetto di cui la giunta tiene la regia, coordinando i volontari e gli operatori del terzo settore. Uno dei centri gestiti da Progetto Arca è quello di via Mambretti, dove i posti letto passeranno da 75 a 250 posti. A questo si aggiungono altri luoghi nella disponibilità del Comune: via Sammartini 118, per esempio, luogo ristrutturato nell’ambito della progettualità sui profughi, che però in questo momento per una minor affluenza di migranti può essere utilizzato facilmente come ricovero per persone senza fissa dimora. A questo si aggiungeranno eventualmente altri spazi, individuati in coordinamento sempre con il Comune di Milano.

senza-fissa-2-lowProgetto Arca mette, inoltre, a disposizione tre unità di strada ogni settimana, con cui volontari guidati da un operatore sociale vanno a perlustrare una zona precisa della città dando un sostegno concreto attraverso beni primari di cui la persona ha bisogno, per esempio un pasto caldo, piuttosto che coperte o sacchi a pelo. “L’obiettivo” fanno sapere da Progetto Arca “è sempre quello di instaurare nel tempo una relazione con queste persone, in modo tale da poterle poi accompagnare nel riprendersi in mano la propria vita, attraverso un percorso che passa dall’accoglienza ad un rinserimento lavorativo e sociale”. Inoltre sul territorio è presente un’unità mobile di pronto intervento che è reperibile 24 h su 24 h, sette giorni su sette. Questa unità mobile permette un’operatività molto efficace nell’intervento in situazioni particolari, segnalate anche dai cittadini. E’ importante ricordare che con “Il piano freddo” il Comune di Milano mette a disposizione un servizio aggiuntivo per segnalare persone che si trovano in difficoltà, attraverso quattro numeri di telefono che i cittadini possono chiamare per segnalare situazioni di disagio. Il centro aiuto registra la segnalazione e immediatamente contatta l’unità di pronto intervento sociale, che va innanzitutto a constatare di cosa si tratta, se la persona ha bisogno di un’assistenza di tipo sanitario o un ricovero presso un centro di accoglienza. Qualora l’assistito non volesse il ricovero nel centro, l’operatore dell’unità mobile torna sul posto nelle 36 h successive per monitorare la situazione. Progetto Arca si sta attrezzando per andare incontro, come ogni anno, alle difficoltà delle persone senza fissa dimora, che, soprattutto nel periodo invernale, si trovano in difficoltà, per cui la fondazione si adopera nella consegna di pasti caldi, coperte, kit igienico/sanitario, bevande calde e beni di prima necessità. “Tutto questo”, conclude Fondazione Arca “è sempre indirizzato a soddisfare i bisogni primari delle persone in difficoltà. L’ obiettivo, infatti, è la rinascita sociale della persona, realizzata attraverso l’ ascolto del bisogno, mirato ad un’ ottica di una futura reintegrazione” .

Per contattare l’unità mobile telefonare ad uno di questi numeri:

02/88447645 – 02/88447646 – 02/88447647 – 02/88447648 – 02/88447649

 

Marco Feliciani