Al Parco Senza Guinzaglio…Non Sempre, Ma È Possibile!

Di: - Pubblicato: 15 gennaio 2016

Ci piacerebbe che il nostro amico camminasse sempre vicino a noi senza la costrizione del guinzaglio?

Ovviamente questo è possibile solo in condizioni di sicurezza, mai in città… il pericolo che uno stimolo molto forte faccia allontanare il nostro cane, correndo pericoli, è qui sempre in agguato. Durante una bella passeggiata al parco magari sì!

Dobbiamo cominciare quando e’ molto piccolo, solitamente quando ha qualche mese di vita. Le prime volte sarebbe meglio in un campo aperto dove le distrazioni siano poche: gli odori, gli insetti, gli uccellini e le foglie che si muovono per lui sono già un ottimo motivo di disattenzione…

Cominciamo con una “lunghina” in modo da poter “testare” il comportamento del cane, ma nello stesso tempo lasciamo che abbia la possibilità di allontanarsi… una “lunghina”, quindi, di tre, quattro metri.

Ci sono cani che non sono mai stati liberi in un campo aperto quindi spesso la prima reazione e’ quella di correre all’impazzata, per sfogare lo stress in eccesso. Se vediamo che il nostro amico rimane ad una distanza accettabile possiamo togliere la “lunghina”.

Iniziamo a passeggiare: lui ci starà accanto per un po’, poi verrà incuriosito da ciò che lo circonda e comincerà ad allontanarsi. Lasciamo che lo faccia senza richiamarlo. Appena lo vedrete concentrato su qualcosa, un odore o magari da un legnetto cambiate direzione. Senza guardarlo procedete nella direzione inversa. Appena si accorgerà che ve ne state andando correrà nella vostra direzione e vi raggiungerà in un attimo.

Per un po’ rimarrà nuovamente al vostro fianco, per essere sicuro di non perdervi poi… verrà distratto da qualcosa di nuovo  e si allontanerà ancora.  Ripetete l’esercizio.

Dovete restringere sempre di più il cerchio in modo che si allontani sempre meno da voi. Se vedete che si e’ allontanato troppo cercate di recuperarlo senza andare MAI incontro a lui, ma tracciando un semicerchio andate nella sua direzione, senza far vedere che siete voi che vi state avvicinando.

Se siete in compagnia cercate di camminare tutti vicini e di andare sempre tutti nella stessa direzione.

Non dobbiamo mai lasciare intendere nulla per scontato. Lui crede che stiate andando in quella direzione quindi ritiene di potersi distrarre e, invece, e’ li che dovete sorprenderlo, cambiando direzione.

Fateci caso: mentre camminate, il cane tende sempre a precedervi, ma ogni tanto si gira per vedere se siete dove vi ha visti l’ultima volta.

Se voi procederete sempre in quella direzione si volterà sempre meno per vedere dove siete perchè sa che non vi allontanerete troppo,  anzi… lo seguirete.

Ma se cambierete direzione ogni volta che lui si sentirà tranquillo, capirà che dovrà voltarsi più spesso perchè da un momento all’altro voi potreste non essere più lì.

Per la stessa ragione non si allontanerà troppo e più sarete imprevedibili più vi starà accanto.

I cani camminano in branco, e’ difficile, quindi, che si allontanino dal gruppo; con questo esercizio creerete un forte legame perché nel momento della passeggiata starete sempre insieme, in libertà, perché sarà sempre lui a decidere di seguirvi e non perché costretto dal guinzaglio.

Ivana Lojacono
Educatrice Cinofila
Mob: 3403375339
iva.lojacono@gmail.com