Lasagne al sugo di verdure

Di: - Pubblicato: 18 marzo 2016

Riprendiamo il filone besciamella; in previsione della Pasqua un piatto un po’ più ricco e elaborato non può mancare e quindi eccovi una bella lasagna che però rimane leggera.

 

Ingredienti per 12 porzioni:

  • 500 gr di lasagne fresche o secche
  • 1200 ml di besciamella + 500 ml di acqua (vedi la ricetta “Besciamella semplice e leggera” nella rubrica “Salute e Alimentazione” in “Le ricette vegan di Orsotonto” “Ricette di base” SONDA.LIFE)
  • 3 carote medie
  • 1 cipolla grossa
  • 700 gr circa di verdure miste quali verza, cavolfiore, broccoli, cime di rapa, peperoni, zucchine, patate, bietole, piselli, ceci ecc.
  • 600/700 ml di passata di pomodoro
  • 1 dado di brodo vegetale
  • 2 grosse melanzane
  • olio extra vergine di oliva qb
  • 150/200 ml di olio per friggere, io uso olio di germe di mais BIO
  • farina qb
  • 6/8 cucchiai di crusca o pan grattato
  • una teglia rettangolare o quadrata che abbia una profondità di 6/7 cm e un perimetro totale di 50/60 cm secondo se preferite una lasagna più o meno alta.

 

Preparazione :

Melanzane fritte:

Lavate e affettate le melanzane per il lungo, dello spessore di circa 5 massimo 10 millimetri. Salate  le fette da entrambi i lati e adagiatele su di una grata inclinata o in colini capienti lasciandole perdere l’acqua di vegetazione per un minimo di un ora. Quando avranno perso l’acqua sciacquarle sotto l’acqua fredda rapidamente per poi asciugarle premendole tra due canovacci e lasciarle ad asciugare all’aria per una mezzoretta. A questo punto infarinatele e friggetele (vedi ricetta di base del fritto di Lauretta sempre in SONDA.LIFE).

Quando le fette di melanzane saranno fredde e avranno perso parte dell’olio in mezzo ai fogli di carta ove le avrete adagiate, tagliatele a quadretti di 4/5 cm per lato. Salatele solo al momento di utilizzarle per gli strati.

 

Sugo di verdure:

Preparate le verdure da voi scelte (meglio se di stagione, il gusto e le proprietà saranno maggiori) lavandole e tagliandole a pezzetti non troppo grossi.

Lavate e tritate grossolanamente la cipolla e le carote e fatele rosolare in abbondante olio extra vergine di oliva. Dopo pochi minuti aggiungetevi le verdure da voi scelte tagliate a pezzetti e continuate a rosolare finché necessario a seconda delle verdure scelte mantenendole croccanti. A questo punto aggiungetevi il dado e la passata di pomodoro alzate leggermente la fiamma e fate andare per 15 minuti circa al termine dei quali salate se necessario e pepate.

 

 

 

La pasta:

Ovviamente si tratta di pasta senza uova, personalmente non ritengo necessario arricchire di sostanza un piatto già ricco per sua stessa natura.

Se usate lasagne fresche o meglio fatte in casa non ci sarà bisogno di cuocerle in acqua preventivamente. Nel caso, invece, di lasagne secche, fate bollire in una pentola capiente acqua salata. Una volta che l’acqua ha raggiunto il bollore metteteci un paio di cucchiai di olio qualsiasi (servirà a non fare incollare le lasagne tra di loro durante la cottura) e buttate un terzo circa delle lasagne a cuocere per 5 minuti (i tempi dipendono anche da che pasta usate) fate in modo che siano cotte molto al dente; poi scolarle e stenderle su di un canovaccio una separata dall’altra. Ripetete la stessa operazione fino a cuocerle tutte.

 

Procedimento:

 

A questo punto preparate la teglia con i bordi e il fondo unti e tutti gli ingredienti pronti a effettuare i vari strati.

 

La besciamella:

Ora potete preparare la besciamella come indicato sopra (vedi ricetta) ma aumentando il liquido di 500 ml di acqua (o latte vegetale). In pratica vi servirà la ricetta base della besciamella raddoppiata e 500 ml di acqua in più. Questo perché per le lasagne serve una besciamella più fluida. Preparatela solo quando sarete completamente pronti per fare gli strati nella teglia, in quanto la besciamella si asciuga e raffredda velocemente e quindi dopo sarebbe difficile stenderla.

 

Gli strati:

Una volta che avrete tutti gli ingredienti pronti davanti a voi, con la teglia nel mezzo, iniziate a fare gli strati, dopo aver unto la teglia disponete per prima cosa uno strato di pasta coprendo bene ogni parte del fondo della teglia; se necessario tagliando le lasagna su misura.

Poi fate uno strato di besciamella, uno di melanzane fritte, uno di sugo e uno di pasta e così via fino a esaurimento degli ingredienti.

Il sugo di verdure deve essere anch’esso preferibilmente caldo al momento di usarlo.

Dovreste terminare con uno strato di sugo di verdure o con uno di besciamella secondo come vi sono venute le quantità e anche secondo quale aspetto volete dare alle vostre lasagne.

 

La cottura:

Appena prima di infornarla cospargete tutta la superficie di crusca o pan grattato e spruzzate di olio extra vergine di oliva.

Infornate in forno caldo a 220° sul ripiano di mezzo per 30’, per poi spostarle più in alto a metà cottura nel caso non si stessero rosolando bene.

Vanno lasciate fuori dal forno circa 20’ prima di impiattare.

 PS:

  • se siete abbastanza bravi a friggere e non avete bruciato l’olio, potrete usarlo (dopo averlo filtrato) per soffriggere le vostre verdure del sugo e per ungere la teglia. Questo perché le melanzane che friggerete sono poche e soprattutto perché non avrete raggiunto il punto di fumo.
  • Le quantità di questa ricetta sono elevate: ci si impiega quasi lo stesso tempo a prepararne per 6 o per 12 persone ed è un piatto così conviviale e tipico dell’ospitalità italiana, che vale la pena di invitare amici e parenti quando si decide di farle. Comunque volendo si posso dimezzare le quantità.
  • Potete preparare anticipatamente sia il sugo, che le melanzane fritte ma anche la lasagna stessa può essere approntata la sera prima per essere infornata a mezzogiorno del giorno dopo.
  • La melanzana fritta è facoltativa, serve a rendere un pochino più gustoso ma soprattutto più sostanzioso il piatto. Nel caso decideste di fare queste lasagne per degli onnivori, la melanzana fritta diventa indispensabile.
  • Alcune verdure dalla cottura più lunga come cavolfiore, gambi delle verze, patate vanno sbollentate in acqua prima di aggiungerle alle altre verdure. Oppure ancora piselli, ceci ecc vanno proprio cotti prima e poi messi al momento in cui si mette la salsa di pomodoro.

 

Proprietà: rimineralizzante, energizzante, antiossidante.

 

Le ricette di Orsotonto

Screen-Shot-2015-11-26-at-17.20.26