I Nostri Amici Pelosi: Come E Quando Intervenire Sull’Aggressività

Di: - Pubblicato: 13 giugno 2016

L’aggressività non parte da 0 per arrivare a 100 improvvisamente. Gli step sono molteplici e noi dovremmo essere bravi e cercare di conoscere bene il nostro cane in modo da intervenire al momento giusto. Molte volte interveniamo quando non ce ne sarebbe assolutamente bisogno cioè quando il cane è solo ad un primo livello…

Ma vediamo cosa succede nella mente del cane.

Passa una persona o un altro cane… cioè succede qualcosa. Appaiono i primi segnali calmanti, a volte qualche abbaio.

Poi appaiono segnali calmanti un po’ piu’ marcati ma la situazione è in realtà ancora sotto controllo.

Tra il terzo e quarto livello il cane comincia a preoccuparsi davvero. Succede qualcosa… questo rappresenta il momento di intervenire, è l’ultima possibilità che abbiamo per fare qualcosa prima di arrivare alla zona rossa.

Il cane è preoccupato, pronto a difendersi, appaiono i primi segnali di stress. Se la situazione non cambia il cane deve cominciare a difendersi, quindi si prepara.

Il cane mostra i denti, abbaia in modo nervoso, va verso la minaccia. Se la minaccia non si allontana abbaia piu’ forte…

Molto probabilmente, se non interveniamo ora, accadrà ciò che non vorremmo e la responsabilità sarà nostra.

Alcuni cani imparano che niente funziona, che non arriverà nessun aiuto da noi e da nessun altro, quindi passano dal primo livello immediatamente all’attacco. In realtà l’intervento immediato rappresenterebbe un errore, ma è comunque necessario tenere monitorato il crescere del disagio. Spesso al secondo livello la persona o il cane che si sono avvicinati, se ne vanno e l’allarme rientra da solo. In questo modo il cane capisce che non tutto quello che lo circonda può essere un pericolo.

Alcune persone si preoccupano e vanno in ansia al primo segnale calmante del loro cane: il cane si lecca la bocca! Ma magari ha solo visto una foglia cadere!

Il cane reagisce continuamente ad agenti esterni. Bisogna saperlo osservare.

Di solito mi chiedono quale sia il problema più frequente, se l’ansia, l’aggressività o l’insicurezza. Il problema vero è che noi non siamo attenti, non ci accorgiamo di tante cose… siamo noi il problema. Troppo facile dare la colpa al cane.

Quando il cane crea distanza da una situazione, bisogna subito intervenire allontanando il problema e/o il nostro amico. Quando il cane mostra i denti c’è sempre una ragione… tra cani si capiscono e se li mostra a noi… voltiamoci, dandogli le spalle per fargli capire che veniamo in pace e che non siamo una minaccia.

Queste alcune pillole per sentirci più preparati in situazioni che possono crearsi nel quotidiano e che non devono mandarci nel panico, ma che vanno affrontate con consapevolezza e attenzione!

Ivana Lojacono
Educatrice Cinofila
Mob: 3403375339
iva.lojacono@gmail.com