Le Origini Di Milano Tra Letteratura E Archeologia

Di: - Pubblicato: 22 gennaio 2016

a cura di Sarah Rigamonti, dottoressa in beni culturali

La storia della fondazione della città di Milano, avvenuta in epoca pre-romana, si perde in leggende e racconti mitici riportati da numerosi storici greci e latini. Le fonti sembrano concordare sull’origine celtica del capoluogo lombardo, anche se presentano notevoli differenze l’una dall’altra; mentre la maggior parte degli storici antichi attribuiscono la fondazione di Milano alla tribù gallica degli Insubri, da questa tradizione si discosta il racconto di Tito Livio. Quest’ultimo infatti, nella sua “Storia di Roma dalla fondazione”, cita come fondatore di Mediolanum Belloveso, nipote di Ambigato, re supremo di tutti i Celti al tempo del regno di Tarquinio Prisco a Roma. Belloveso avrebbe varcato le Alpi con numerose tribù celtiche per giungere poi in un territorio chiamato “degli Insubri”; in questo luogo avrebbe dunque fondato il piccolo villaggio di Mediolanum, diventato poi un’importante città. Secondo la testimonianza di Livio dunque il nome di Insubria del territorio di fondazione della città pare preesistere all’arrivo dei Celti, cosa che si discosta dalle altre fonti antiche come anche il fatto che Livio sia l’unico a riportare il nome di Belloveso come fondatore.

A fronte delle testimonianze letterarie contrastanti e poco esaustive anche i ritrovamenti archeologici, purtroppo, non sono sufficienti a ricostruire fedelmente la fondazione della città e la sua storia prima della romanizzazione. Sappiamo però che durante l’età del Bronzo finale e la successiva età del Ferro la Pianura Padana, in un territorio compreso tra i fiumi  Po, Serio e Sesia e delimitato a nord dai valichi alpini, era abitata da popolazioni appartenenti alla cultura di Golasecca e ci è noto anche che i principali centri golasecchiani subirono un progressivo ridimensionamento in seguito alle invasioni galliche. In particolare l’area dove si stanziarono i  Galli Insubri, territorio che comprendeva i principali centri della cultura di Golasecca, si spopolò rapidamente nel V secolo a.C. parallelamente all’affermazione della nuova città di Mediolanum. Queste evidenze archeologiche, unite a sporadici ritrovamenti celtici nell’area di Milano, confermano dunque l’origine celtica della città di cui parlano le antiche fonti letterarie.