Mousse Di Scarti Verdi

Di: - Pubblicato: 31 Ottobre 2016

Si sente spesso parlare di green economy, riciclaggio, lotta allo spreco di cibo, economia sostenibile ecc. ecc. ma cosa possiamo fare noi stessi senza sforzo o mezzi se non altri che quelli già a disposizione nelle nostre cucine?

Possiamo farci del bene riducendo gli scarti alimentari e creando delle mousse squisite che ci delizieranno. Abbiamo appena fatto la spesa e le verdure sono da smistare, lavare e sistemare in frigorifero nel migliore dei modi per una perfetta conservazione; se lo facciamo subito dureranno più a lungo e ce le ritroveremo pronte all’uso nei giorni a seguire.

Come ben sapete ci sono parecchi scarti che la cucina moderna non contempla nelle sue ricette. Da alcuni anni però in molti hanno considerato la possibilità di utilizzarli e cucinarli in vari modi riducendo la raccolta differenziata dell’umido e preparando cose semplici e sfiziose.

Ecco alcuni degli scarti più comuni e di stagione, che andranno bene sia per zuppe o minestroni ma anche per questa mousse.

Tempo: 20 minuti

Ingredienti:

 

  • Foglie e gambi di rapanelli
  • Foglie e gambi di finocchi
  • Foglie e gambi di cavolo rapa
  • Foglie e gambi di carote
  • Foglie verdi di porro

 

  • Ce ne possono essere altri, a voi di saperli individuare e aggiungere.
  • Potete arricchire la ricetta con cipolla rossa o con aglio secondo gusto, ma anche pinoli o noci e nocciole o ancora mandorle secondo la stagione.

 

Procedimento:

 

Lavate, asciugate e tagliate a pezzetti i vostri scarti.

Pulite una cipolla rossa oppure 2 spicchi di aglio e tagliateli a pezzetti.

100/200 g di pinoli e/o noci e/o mandorle e/o nocciole pesati senza guscio.

2 o 3 cucchiai di capperi sotto sale senza dissalarli.

Olio extra vergine di oliva qb perché il frullatore faccia il suo lavoro e la mousse risulti morbida.

Pepe e/o peperoncino

Aggiungete progressivamente nel frullatore tutti gli ingredienti alternandoli e frullate finché non diventa una mousse omogenea.

Si conserva in un barattolo di vetro chiuso in frigorifero per 3 o 4 giorni.

Ottimo come antipasto su crostini di pane integrale grigliato o tostato in padella con un filo di olio.

 

 

Le ricette di Orsotonto